Franchising
Cosa offriamo
Informazioni
Intranet Partysoft
Stampa le informazioni sul franchising
Halloween
Gratis Party Card
Party Music

News

INTERVISTA AFFILIATI

In esclusiva per AZ Franchising (Settembre 2001), i primi due franchisee Italiani, spiegano perchè hanno scelto la formula nata nel 1986 negli Stati Uniti

1) Perchè avete scelto il franchising Party World? 

Trento (Sign. Bertoldi):

Era un pò di tempo che maturavamo l'idea di aprire un 'attività in proprio che potesse coinvolgere l'intero nucleo familiare e dopo varie analisi di mercato a livello regionale e nazionale abbiamo trovato la possibilità di investire in una tipologia di prodotti innovativi il cui mercato non fosse ancora inflazionato. Ciò che ci ha convinti a diventare affiliati Party World è stata la possibilità di appartenere ad una grande catena di spessore mondiale (garanzia non da poco), le grandi potenzialità di sviluppo della nostra attività e la sicura (almeno per noi) affermazione del marchio Party World anche in Italia. Siamo stati anche molto attratti dagli ampi margini di guadagno sulle merci e dalla innovazione dei prodotti americani che a Trento non esistevano.

Montesarchio (Signora Rame):

Cercavo una nuova attività per me e mia cognata. Su Internet ho trovato il sito Party World (www.partyworld.it) e ne sono rimasta entusiasta. Sono corsa a vedere il negozio pilota di Roma Prati con mio marito che mi ha subito appoggiato nell’iniziativa. La nostra città è satura di negozi di abbigliamento mentre il franchising Party World è completamente privo di concorrenti. Abbiamo subito firmato per avere l’esclusiva della nostra città con un negozio di circa 200 MQ. Siamo contenti di far parte della più grande catena del mondo di negozi in franchising specializzati nelle Feste e nei Party, anche perché il tipo di attività è perfetto per noi che abbiamo figli piccoli ed abbiamo già esperienza di cosa vuol dire “organizzare una festa”.

 

2) Chi è e che caratteristiche deve avere il franchisee di Party World? 

Trento (Sign. Bertoldi):

Il franchisee deve essere dinamico, creativo e possibilmente avere un minimo di conoscenza della lingua inglese e del computer. Non si necessità di capacità specifiche in quanto la gestione non rappresenta particolari difficoltà, nè di natura tecnica nè di natura amministrativa. Il corso di formazione di circa tre settimane complessive ed i manuali operativi sono veramente completi e formativi. Siamo diventati in poco tempo degli esperti del Party e della Balloon Art; prima non ne sapevamo nulla.

Montesarchio (Signora Rame):

Penso che la caratteristica più importante che deve possedere un affiliato Party World sia quella di non aver paura ad avviare una attività innovativa; anzi, il carattere innovativo del franchising Party World è stato proprio alla base della nostra scelta poiché cercavamo qualcosa che assomigliasse ai Disney Store Americani che purtroppo non vengono aperti in Franchising ma soltanto con filiali dirette. Siamo state inoltre avvantaggiate dalla nostra esperienza di organizzazione feste per i nostri figli. Sappiamo bene cosa vogliono le mamme in tali occasioni…!!! Al resto ha pensato l’organizzazione Party World.

 

3) Per l'affiliato Party World è garantito "il massimo divertimento nel lavoro quotidiano". Potrebbe spiegarci meglio cosa significa?

Trento (Sign. Bertoldi):

Quotidianamente vendiamo un prodotto che è legato unicamente alla festa o al divertimento in generale ed è inevitabile divertirsi nel consigliare i propri clienti sul come organizzare un party od una celebrazione speciale. Ogni giorno viviamo in un posto di lavoro ultra colorato dove non c'è nulla che possa far pensare alle tue problematiche ma solo alla festa ed ai relativi festaggiamenti.

Montesarchio (Signora Rame):

I negozi Party World sono allestiti ed addobbati con migliaia di articoli coloratissimi inerenti alle feste. Il cliente entra con il sorriso sulle labbra e paga sempre con lo stesso sorriso. Ciò crea un entusiasmo continuo in noi affiliati che lavoriamo divertendoci ogni giorno.

 

4) La liberalizzazione delle licenze commerciali vi ha aiutato? E se sì, in che modo?  

Trento (Sign. Bertoldi):

L'abbattimento di questo pesante ostacolo burocratico ha permesso a Party World Trento di ottenere la licenza di vendita in circa un mese presentando una semplice domanda all'ufficio competente.

Montesarchio (Signora Rame):

Ormai vale la regola del “Silenzio Assenso”. Se non rispondono entro trenta giorni (non rispondono mai….) la licenza è approvata. Prima si perdeva un sacco di tempo ed un sacco di soldi…… 

 

5) Chi è il cliente tipo di un punto Party World?  

Trento (Sign. Bertoldi):

I clienti tipo sono mamme, nonne, futuri sposi...insomma tutti coloro che hanno intenzione di organizzare una festa e celebrare una qualsiasi ricorrenza in maniera diversa dal solito.

Montesarchio (Signora Rame):

Sicuramente la famiglia ma anche negozianti, discoteche, ristoranti, centri congressi, animatori, organizzazioni ecclesiastiche, adulti etc…. Abbiamo assistito ad un incredibile passa-parola tra le mamme che, invitate alla prima festa Party World, non hanno voluto essere da meno e sono venute ad acquistare da noi. Siamo ormai diventati un punto di riferimento per qualsiasi festa, evento o manifestazione.

 

6) Qual’è la ricorrenza per la quale si ricorre più spesso all'aiuto del personale di Party World?

Trento (Sign. Bertoldi):

Matrimoni, nascite, compleanni, per quello che abbiamo verificato in questi primi mesi; non abbiamo ancora affrontato festività specifiche come Natale, Capodanno, Halloween, Carnevale ecc. ma il negozio pilota di Roma Prati ha avuto incassi giornalieri enormi per tali festività che durano anche un mese intero.

Montesarchio (Signora Rame):

Durante l’anno un po’ tutte le feste: compleanni, onomastici, anniversari, matrimoni, comunioni, inaugurazioni battesimi, nascite ecc.. Siamo in attesa delle prossime feste specifiche (Holidays) di Halloween, Natale, Capodanno e Carnevale dove gli incassi arrivano anche a sei milioni per giorno come è successo a Roma.

 

7) La grande catena del Party nasce negli Stati Uniti. Che accoglienza trovano in Italia iniziative provenienti direttamente dagli States?  

Trento (Sign. Bertoldi): 

Le iniziative Americane vengono a volte criticate più per moda che per reale convinzione, e lo dimostrano tutte le persone che aldilà di ogni critica si servono in grandi catene specializzate come la nostra oppure mangiano da Mc Donald e noleggiano videocassette da Block Buster. La sola disposizione dei prodotti è molto accattivante ed è capace di entusiasmare giovani e meno giovani. Ritengo che quando le catene americane abbiano come oggetto del franchising parte della propria cultura americana siano assolutamente vincenti. I negozi Party World fanno assolutamente parte della cultura americana delle feste!!

Montesarchio (Signora Rame):

Il franchising nasce negli States. Questo è il motivo per cui le catene americane sono sempre le più forti nel mondo. Party World è un franchising puro americano dove la casa madre non fornisce i beni ma i contratti quadro internazionali ed il Know How. In questo modo non siamo obbligati a comprare da un solo fornitore ma abbiamo la possibilità di scegliere tra circa 30 fornitori e milioni di articoli. Inoltre abbiamo un rapporto con i fornitori diretto alla fonte scavalcando grossisti, rappresentati, agenti e distributori con la forte scontistica ed i lunghi termini di pagamento della catena Internazionale che acquista per milioni di dollari di prodotti. Molti Franchisor Italiani sono essi stessi fornitori o distributori di beni, pertanto caricano i prodotti e l’affiliato del loro margine di guadagno ed obbligano a comprare ciò che loro preferiscono più vendere. Noi con Party World siamo completamente liberi sulla scelta delle merci, paghiamo quasi sempre a 120 giorni con sconti veramente eccezionali. Penso che questo sia uno dei maggiori vantaggi delle catene americane